+39 349 0767208 info@aziendaagricolalamartina.it

Il Meilogu


meiloguIl Meilogu è una regione storico-geografica della Sardegna che può essere considerata una sub-regione del Logudoro. Il nome significa “luogo di mezzo”: infatti si trovava esattamente al centro del giudicato di Torres. In questo territorio si trova la cosiddetta valle dei Nuraghi dove spicca l’importante zona archeologica del nuraghe Santu Antine, chiamato la reggia nuragica per la sua imponenza e per la sua eleganza.

Padria


padriaIl paese di Padria, adagiato a ridosso di tre caratteristici colli (San Giuseppe, San Paolo, San Pietro), è posto all’estremità nord-ovest della Sardegna. Il suo territorio è ricompreso nella parte centrale dell’area geografica denominata Valle del Temo. Confina a nord con i territori dei comuni di Monteleone Rocca Doria, Romana e Cossoine; a est con il comune di Mara; a sud e sud-est con quello di Pozzomaggiore e infine a ovest con i territori dei comuni di Bosa e Villanova Monteleone. Il territorio del comune di Padria ha una superficie di 48,03 km² e fa parte della sub-regione storica del Meilogu. È attraversato nell’agro dal fiume Temo, importante e principale corso d’acqua che nasce sul Monte Calarighe (Comune di Villanova Monteleone) e sfocia nella città di Bosa. Numerosi e importanti corsi d’acqua si immettono nel Temo; di particolare importanza è il fiume Su’ Entale, che segna a ovest il confine con i Comuni di Bosa e di Montresta. Quest’ultimo prima di immettersi nel Temo, attraversa un caratteristico “canyon” abbastanza profondo, della lunghezza di due chilometri, dando vita a delle bellissime cascate.

Nel territorio di Padria sono presenti ben 39 nuraghi, con una densità di 0,9 monumenti per km². Risultano spesso edificati nei pressi di corsi d’acqua e soprattutto ai bordi degli altopiani, a dominio delle ampie vallatte, in posizioni strategiche e ad ampio raggio visivo. L’unica tipologia attestata sembra essere quella a tholos. I nuraghi hanno prevalentemente impianto monotorre, in alcuni casi complesso, con torri laterali ed addizioni. L’impianto più complesso si riscontra nel nuraghe Longu. Attorno ai nuraghi sono visibili, in diversi casi, i resti di capanne riconducibili a villaggi di grande estensione.