+39 349 0767208 info@aziendaagricolalamartina.it

Nella nostra vigna produciamo Bovale,  il Pascale di Cagliari e Cagnulari. La produzione è al momento limitata ma ci stiamo organizzando per l’imbottigliamento.


Bovale
Col termine “Bovale” si individuano due vitigni, il Bovale sardo e il Bovale di Spagna detto anche Bovale grande, entrambi giunti in Sardegna dalla penisola iberica intorno al 1300. Recenti acquisizioni scientifiche supportate da analisi genetiche, confermano la sostanziale diversità varietale tra i due Bovali. Il Bovale sardo lo ritroviamo in quasi tutte le aree viticole della Sardegna


Pascale di Cagliari
Il vitigno Pascale di Cagliari, che in antitesi alla sua denominazione è presente in particolare nei vigneti del Sassarese, è di incerta origine. Il Pascale di Cagliari viene vinificato assieme ad altre uve rosse: nella zona del Mejlogu l’uvaggio con il Cannonau e con il Cagnulari porta ad ottenere un pregevole vino da arrosto; per le caratteristiche dell’acino spesso esso viene utilizzato come uva per consumo diretto.


Cagnulari
Il cagnulari è un vitigno a bacca rossa da secoli presente in Sardegna. Le sue origini non sono certe, mostra una certa somiglianza con il bovale e per questo motivo si pensa sia stato introdotto in Sardegna durante la dominazione aragonese del Seicento. Sembra anche avere delle somiglianze genetiche con il mourvedre, coltivato nel sud della Francia, conosciuto in Spagna con il nome di monastrell. Il cagnulari è ancor oggi tradizionalmente coltivato con l’antico metodo dell’alberello sulle colline di composizione calcareo-argillosa a sud di Sassari, non lontane dalla costa di Alghero. È un vino fortemente territoriale, in passato veniva spesso utilizzato per tagliare altri vini rossi meno intensi e corposi o venduto sfuso per un consumo locale.

La nostra vigna..